Crea sito

Significato del Carro dell’Immacolata 2009

Dal Torrese del 4 Dicembre 2009 a cura di Michele Tuoro
Il Significato del CARRO 2009
Il carro dal titolo “Maria, Madre dei Sacerdoti e dell’Intero Popolo di Dio”, anche quest’anno porta la firma dell’Ucai di Torre del Greco. Il bozzetto, nato dalla matita dell’artista Nicola Consiglio, coinvolto nel corso della realizzazione anche i pittori Vincenzo Ciliberto ed Agostino Lombardo, gli scultori Vincenzo Cirillo e Donato Frulio, coordinati da Giacomo Fiorentino. Davanti al carro è rap¬presentato uno scudo con un cuore circondato di spine, a simboleggiare che il sacerdozio è l’amore cuore di Gesù, al centro si erge in tutta la sua bellezza l’Immacolata circondata da quattro angeli, a significare che la Madonna è la madre del sommo ed eterno sacerdote Gesù Cristo. Su uno dei due
Lati della struttura centrale è raffigurata una delle tante gesta di carità del Beato. Riprodotta una delle scena di vita di don Vincenzo, nello specifico l’episodio di quando, dalla sua abitazione di via Piscopia, il santo curato cala giù dal balcone le masserizie della sua casa. Un gesto di canta rivolto alle persone povere, coloro che mancavano di tutto, pure di un materasso sul quale dormire. Dall’altra parte della struttura vi è un immagine dell’Eucarestia adorata dal Beato Vincenzo Romano e da San Giovanni Maria Vianney, santo patrono di tutti i parroci del mondo. L’unione di due parroci santi conquistati dall’Eucarestia, fonte, forza ed energia di carità. Sul retro del carro, troviamo un grosso bassorilievo sul quale è rappresentatala famiglia, segno del popolo di Dio, sotto la guida dello Spirito Sando, a significare che il sacerdote non solo è inserito nel popolo di Dio, ma ne è a servizio, aiutandone il cammino e  la crescita nella santità. Tutto il carro, infine, è avvolto da grandi gigli, intrecciati a spighe di grano e grappoli d’uva, per richiamare la purezza di Maria, Madre della chiesa e dei sacerdoti, e del popolo di Dio che si nutre del corpo e sangue del suo figlio Gesù. La realizzazione, come sempre, è a cura, dell’artista Riccardo Lamberti.