Crea sito

Maggio …camminiamo con Maria nel mese Mariano

Carissimi torresi,
Maggio è un mese amato e giunge gradito per diversi aspetti. Nel nostro emisfero la primavera avanza con tante e colorate fioriture; il clima è favorevole alle passeggiate e alle escursioni.
Per la Liturgia, Maggio appartiene sempre al Tempo di Pasqua, il tempo dell’”alleluia”, dello svelarsi del mistero di Cristo nella luce della Risurrezione e della fede pasquale; ed è il tempo dell’attesa dello Spirito Santo, che scese con potenza sulla Chiesa nascente a Pentecoste.
Ad entrambi questi contesti, quello “naturale” e quello liturgico, si intona bene la tradizione della Chiesa di dedicare il mese di Maggio alla Vergine Maria.
Ella, in effetti, è il fiore più bello sbocciato dalla creazione, la “rosa” apparsa nella pienezza del tempo, quando Dio, mandando il suo Figlio, ha donato al mondo una nuova primavera. Ed è al tempo stesso protagonista, umile e discreta, dei primi passi della Comunità cristiana: Maria ne è il cuore spirituale, perché la sua stessa presenza in mezzo ai discepoli è memoria vivente del Signore Gesù e pegno del dono del suo Spirito.

Maggio è anche un mese particolarmente caro a papa Francesco, come gli è caro tutto quanto riguardi la Madonna.

Infatti quando eletto papa e divenuto vescovo di Roma, Francesco ha affidato subito il pontificato alla protezione della Madonna, al suo «sguardo materno» .

Il 14 marzo 2013, giorno dopo l’elezione, è andato in Santa Maria Maggiore per offrire alla Madonna Salus Populi Romani, protettrice dei romani, un mazzolino di fiori, trovato in Casa Santa Marta. Da allora, non c’è evento pubblico mariano, non ci sono partenza o ritorno da un viaggio, senza il saluto e la preghiera di Francesco al quadro della Madonna (attribuito dalla tradizione a san Luca) nella cappella Paolina della basilica.

Milioni di persone partecipano nel mese di maggio a pellegrinaggi ai santuari mariani, recitano preghiere speciali in onore della Madonna e le fanno dei doni, sia spirituali che materiali.

Dedicare il mese di maggio a Maria è una devozione popolare radicata da secoli.

Com’è naturale, maggio è denso di ricorrenze mariane, cioè legate alla Madonna.

Queste sono le più popolari:

8 maggio Si festeggiano la Madonna di Pompei (in questa data, nel 1876, partì la costruzione della sua basilica; si celebra anche il 7 ottobre, festa del Rosario), la Beata Vergine Maria dello Sterpeto di Barletta e Maria Santissima del Soccorso di Montepulciano (Siena).

12 maggio Madonna della Misericordia di Rimini.

13 maggio Madonna di Fatima (in questa data avvenne la sua prima apparizione nel 1917,di cui in questo anno ricorre il centenario).

15 maggio Madonna di Montenero di Livorno.

17 maggio Madonna della Lacrime di Spoleto.

19 maggio Madonna della Salute di Vercelli.

24 maggio Beata Vergine Maria Ausiliatrice di Torino.

26 maggio Santa Maria del Fonte di Caravaggio (Bergamo).

31 maggio In questo giorno il calendario prevede il ricordo della Visitazione di Maria alla cugina Elisabetta, episodio che può interpretarsi come l’avvio del culto mariano, con le profetiche parole che la Vergine pronuncia in risposta al saluto della cugina, «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo!»: «D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata».

In questo elenco di ricorrenze mariane vi ricordo che l’otto del mese e come tutti i mesi,a partecipare nella Basilica di Santa Croce in Torre del Greco alla Preghiera della Buonanotte a Maria.

Un saluto a tutti e “che a Maronna v’accumpagne sempe”.