Crea sito

Benvenuti al nuovo blog di “Immacolata di Torre del Greco”

Benvenuti al nuovo blog di “Immacolata di Torre del Greco”

Carissimi torresi,

nasce oggi il nuovo blog di Luigi Ascione “Immacolata di Torre del Greco”,

che vuole contribuire alla diffusione e alla conoscenza di questa antica tradizione tanto cara al popolo torrese al di fuori dei confini di Torre del Greco.

Il blog oltre al sito web offre a tutti i torresi e non la possibilità di essere aggiornati su tutto ciò che riguarda l’Immacolata di Torre del Greco,San Vincenzo Romano e tanto altro.

Dopo il sito web storico dedicato all’Immacolata di Torre del Greco era indispensabile ripristinare il vecchio blog (ndr del 2009) che era collegato al sito stesso: :https://immacolataditorredelgreco.it/blog ,e che ora è visitabile  anche su https://luigiascione.altervista.org/

Il nuovo blog rappresenta una delle tante iniziative di comunicazione che il sottoscritto sta realizzando per avvicinare sempre di più i fedeli alla devozione dell’Immacolata di Torre del Greco.

La nuova veste grafica consentirà una facile navigazione tra i numerosi contenuti presenti e sarà più intuitivo, permettendo alle persone che navigano di raggiungere in maniera piu semplice e rapida le informazioni di cui necessita.

Questo nuovo blog insieme al sito web , rappresenta una nuova strategia di comunicazione che consentirà di ampliare i canali di informazione e permetterà alle persone e ai turisti, che gravitano sull’intero territorio, di conoscere questa tradizione, questo culto e la storia dell’Immacolata di Torre del Greco.

Questo blog e il sito web per continuare ad essere aggiornato ha bisogno anche di voi: chiunque abbia notizie,foto,video ed altro sul culto dell’Immacolata a Torre del Greco in qualsiasi momento può contattare la nostra redazione scrivendo a : ascioneluigi@immacolataditorredelgreco.it

Siamo anche su :

www.facebook.com/ImmacolatadiTorredelGreco

https://www.youtube.com/user/LUIGIASCIONE68

twitter/Immacolataditdg

A tutti una buona navigazione e “che a Maronna v’accupagne sempe”.